DA MILANO A SAIGON — LE INFO PRATICHE

Nov 17, 2017 by nessunofermalestelle in  Blog il viaggio

INFO PAESI E DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER VOI E LA VOSTRA MOTO

CLICCA QUI ——><——-

PIC https://www.federicoguida.it/

[SERBIA] Kusadak: travolti da un insolito destino nella campagna Serba

Ago 08, 2016

Visita al campo di lavoro di Kusadak – Young Researcher of Serbia 

E’ il primo agosto 2016. Partiamo dalla sede dell’associazione giovanile Mladi Istrazivaci Srbije (Young Researcher of Serbia) a Belgrado nel tardo pomeriggio, sorpresi dalla pioggia improvvisa. Siamo arrivati a loro grazie a Yap Italia, associazione di volontariato di Roma. In tasca il taccuino con un nome: Kusadak, villaggio ad una settantina di chilometri dalla capitale serba, dove in queste settimane si sta svolgendo il kamp “Design Green Kusadak”.

tamara

Quando arriviamo, ancora bagnati dalla pioggia, i ragazzi del work camp sono nel centro sportivo e hanno appena finito di cenare. Kristina e Giulio, i due kampleaders locali, ci accolgono calorosamente e ci presentano il gruppo di volontari.
Un’italiana, tre serbe, una ungherese, una tedesca, due spagnoli e uno ceco: ecco la composizione geograficamente eterogenea del campo, che porta a rappresentanza di mezza Europa, dieci ragazzi ad immergersi nella profonda campagna serba.

lav

L’obiettivo del workcamp è quello di portare a nuova vita il piccolo lago di Kusadačkog, poco più di uno stagno immerso nel bosco adiacente al villaggio, popolato da qualche padre che vuole insegnare al figlio l’arte della pesca, qualche coppia di amanti che si scambiano effusioni (e qualche schiaffo per eliminare le migliaia di mosche, anch’esse intente a godersi la pace del luogo) e qualche fedele in transito dal Monastero di Pinosava risalente al XVII sec., a soli pochi metri di distanza.
Il Design green kamp in queste settimane ha ripulito lo spazio adiacente al lago, sistemato il selciato circolare, costruito un ponte che permette di passare un profondo fossato, panche e tavoli da pic nic, insomma contribuito al programma di riqualificazione iniziato qualche anno fa, quando il lago era popolato probabilmente solo da coleotteri, zanzare e qualche pesce annoiato nell’acqua torbida.

Maria Luisa, volontaria della Campania, ci racconta le sue impressioni sul campo:

“Sono venuta a conoscenza di questo campo un po’ per caso attraverso l’associazione italiana Lunaria. Ho scelto Kusadak principalmente perchè la composizione dei partecipanti era molto varia e sarebbe stata sicuramente una occasione per confrontarmi con altre persone provenienti da paesi diversi dell’Europa politica e sopratutto sarei stata l’unica italiana! Ottima occasione per esercitarmi nel mio scarso inglese..certo.. finchè sono arrivati questi due di nessuno ferma le stelle.. due pazzi italiani!”

“Certo in questo campo ci sono stati un po’ di problemi, sopratutto all’inizio, legati alla reperibilità dei materiali da costruzione e all’organizzazione logistica, infatti non ci sono mai stati orari precisi di lavoro; proprio per questo motivo non è stato possibile programmare uscite sul territorio per visitare località vicine di un qualche interesse culturale o ambientale, ma abbiamo fatto gita all’acquapark, che con questo gruppo , non poteva che essere divertente. Nel suo complesso è stata una esperienza unica e interessante per le belle persone conosciute e per il contatto forte con la popolazione del villaggio”

DSCN4207I volontari sembrano completamente a loro agio e immersi nella realtà locale, infatti talvolta è impossibile distinguere loro dai ragazzi di Kusadak , onnipresenti a ogni ora del giorno.
Le giornate dei campisti si svolgono principalmente in tre luoghi: il parco del lago, dove vengono realizzate le opere sul campo, il centro sportivo, dove cucinano, mangiano e si lavano, la scuola elementare dove, dormono nelle classi tra un banco e l’altro su comodi materassini gonfiabili e il bar, l’unico del paese, che concede un po’ di relax a fine giornata.

 

In questi due giorni il duo nessunofermalestelle si è fermato qua. I muscoli fanno male, i vestiti puzzano di legna arsa, i piedi sporchi di vernice, ma il clima che si respira è quello della vita comunitaria, di partecipazione e condivisione.. commistione di culture, lingue che si mescolano, i confini delle identità nazionali che si sfumano..è quello che cerchiamo durante il nostro viaggio verso Saigon.
infatti..ci fermeremo qui anche questa notte..

DSCN4262

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se state attraversando la Serbia, che siate a diretti verso il Kosovo o verso Belgrado sulla statale che passa da Kragujevac, vi consigliamo di fermarvi da Kusadak immergervi nella vera Serbia rurale e visitare il monastero di Pinosava e bere un caffè alla turca con la generosa madre Tecla, che vive proprio nella casa antistante il piccolo cimitero.

link associazione: http://www.mis.org.rs/

 

 

pietro _ nessunofermalestelle

I PENSIERI DELLA MOTOCICLETTA #1. morfologia di un viaggio (o vita)

Ago 23, 2016

Quando la mente è sgombra da pensieri “tecnici” circa il viaggio, allora amo filosofeggiare a mio modo.

Viaggiare è un po come vivere,

diceva il saggio. Perchè infondo molte delle cose che fai le avresti comunque fatte anche rimanendo a casa.

Dormire, mangiare, bere, respirare, lavarti, scrivere, leggere, guidare…

Per i saggi zen, tutto infondo è la stessa cosa. Il buon caro vecchio Vuoto… ma questa è un altra storia.

viaggio

La mia teoria della morfologia del viaggio è cominciata pensando al momento esatto in cui mi trovavo (hic et nunc).

Mi sono chiesto: “come ricorderò questo momento quando sarò tornato a casa?”, “cosa racconterò?”, “come melo immaginavo prima di partire?” “ma, soprattutto, me lo ricorderò o verrà dimenticato?”

Vita e Viaggio sono due concetti che ritengo molto simili

e li userò come sinonimi. Un viaggio non esiste nel solo momento in cui si viaggia. Un viaggio è fatto di azioni contingenti e contenuti, ovvero il significato di queste azioni. Questo significato non si esaurisce nell’azione ma permane nella mente dei ricordi di una persona per molto tempo. Egli, oltre a ricordare, racconterà il suo viaggio, ovvero proverà a comunicare il significato della sua esperienza ad altri. Prima ancora immaginava già questo viaggio. In ultimo non bisogna tralasciare che molte azioni e rispettivi contenuti potranno cadere nell’oblio ed essere dimenticati.

Un viaggio infondo è il racconto di quel viaggio. Potrà coincidere o meno con la realtà, ma non tradirà il suo significato.

viaggio

Ecco, tutto ciò, se siete d’accordo, potete applicarlo al concetto di Vita, così come a quello di una torta (immagino una torta, la mangio, mi ricordo quanto era buona e lo racconto a un mio amico, dopo un anno però me ne sarò dimenticato).

Esiste la VITA, quella VISSUTA, RICORDATA, RACCONTATA, IMMAGINATA, DIMENTICATA, INVENTATA.

Sono tutte parti della stessa cosa e nessuna può ritenersi più vera di un’altra perchè son fatte tutte della stessa materia, le parole.

L’importante è sapere con quale di queste parti si ha a che fare.
Se, per esempio, chiedo a qualcuno di raccontarmi come vive, devo considerare che le sue parole saranno un insieme di realtà vissuta, ricordata, immaginata, inventata, dimenticata e infine raccontata. Un bravo etnografo sarebbe sicuramente in grado di isolare tutte queste parti e cercare ciò che gli interessa.

viaggio

Passato, presente, futuro, convivono nello stesso momento. Così come realtà e finzione.

Questa consapevolezza mi fa sentire immensamente pieno, pieno di vuoto, a cui do forma con il mio racconto.

Spesso infatti si ha la sensazione che il tempo fugga via,

godersi l’attimo non basta, allora so che potrò richiamare alla memoria un episodio e riviverlo infinite volte. Se qualcosa non è andato come speravo, potrò sempre romanzare, aggiungendo o togliendo qualche dettaglio, infondo i ricordi sono miei e posso farne quel che voglio.  Non sono un cronista, sono solo un uomo che vuole rendere unica la propria vita!

viaggio

Lasciatemi fare un’ultima metafora.

Un viaggio è come un buon vino, una volta imbottigliato continuerà a fermentare e migliorare invecchiando.

 

Le parole sono tutto.
Sono la forma dei nostri pensieri.

(Andrea)

Rispondi