[TURCHIA] SULLE TRACCE DI GIORGIO BETTINELLI #1 Istanbul

Ago 25, 2016 by nessunofermalestelle in  Blog il viaggio turchia

Dopo la Grecia, passata veloce sotto le ruote di Giorgio Bettinelli, scopriamo le prime tracce del suo passaggio alla p.54 di “In Vespa. Da Roma a Saigon”.

“Soltanto dopo il tramonto, con una bottiglia di raki in tasca, ritorno nella mia camera alla Barut’s Guest House, nel centro di Sultan Hahmed, a due passi dalla moschea di Santa Sofia e Topkapi.”

Anche noi eravamo lì qualche giorno fà..nei pressi del Barut’s hotel, quindi è iniziata la ricerca.     Ovviamente la prima mossa è cercare la guest house su google, ma c’è qualcosa che non quadra.

infatti qui potete vedere che l’ubicazione del sito è esattamente oltre le mura del giardino dove è situato il famoso palazzo dei sultani Topkapi. A quel punto lascio perdere google e procedo alla maniera del 1992, chiedendo a taxisti e locandieri, ma mi mandano tutti decisi alla Bahuaus Guest house, forse perchè suona simile?

non demordo e provo ad entrare comunque nel giardino del palazzo del Topkapi.. per sapere come è andata guardate questo video.

Al prossimo capitolo! A quando si incroceranno di nuovo le nostre strade..

 

 

 

VERSO PONDY LITTLE FRANCE

Feb 07, 2017

VERSO PONDY LITTLE FRANCE

A Rameswaram avevo sognato di baciare un’altra volta quella lacrima d’India che è lo Sri Lanka, immaginandola dall’altra parte del mare, oltre le dense nuvole.

E nelle nuvole mi ci butto a dritto dritto con l’Aranciona sculettante su gomma liscia..non è la stagione dei monsoni, ma una perturbazione ciclonica eccezionale in questi giorni si abbatte sul Tamil Nadu, sempre fortunato!!
Il clima si rinfresca, ma violente secchiate d’acqua mi travolgono per una paio di giorni. Fortunatamente sono ben attrezzato e gli impermeabili Tucano Urbano fanno il loro dovere.. mi sento quasi 007 entrando nel Green Land Hotel di Kallukatti, spogliandomi del soprabito zuppo per uscirne completamente asciutto. Kallukatti sulla mappa anonimo paesino dell’entroterra Tamil, è invece una sorpresa interessante. Nel centro il tempio hindu con la sua piscina cerimoniale, crea un confortante centro di gravità attorno a cui ruotano un coloratissimo mercato di frutta, di pentolame e di fiori per le cerimonie. La notte scorsa è stata breve e difficile, quindi mi concedo un riposino pomeridiano..che quasi mi uccide.. un black out fa piombare nel buio la cittadina e durante il sonno viene attivato il generatore a nafta proprio di fianco alla mia stanza, che in pochi minuti riempie di gas di scarico tutto il piano terra incominciando dal mio bagno.. sento l’odore acre ancora nei sogni, ma riesco a svegliarmi in tempo prima di soffocare..infervorato mi faccio cambiare stanza..la più alta e areata possibile.
L’indomani decido di spezzare la lunga tappa per Pondicherry fermandomi a Pulanambur dove una burbera vecchia signora mi ospita nella sua semplice, ma dignitosa guest house. Arrivo presto..quindi ho tempo e decido di cambiare la gomma completamente consumata comprando una fantastica Ceat di fabbricazione indiana.. ottima scelta. Ho più voglia di spendere qualche rupia per farmi montare lo pneumatico, che montarla da solo…ma ahimè lavorano da cani e ci rimetto una vite di chiusura e il resto del pomeriggio..risolverò forando il supporto e montando un bullone nuovo. Già una volta tentai di sistemare la pedivella consumata in un paesino sperduto e mi ero ripromesso di non fare più lavori alla moto se non in città.. sbagliare è umano..perseverare è da pirla.

Pondicherry mi accoglie con una giornata serena e fresca, il lungo mare e le sue palme fanno respirare una aria diversa..Cammino con Michele per questa little Paris, che di fatto fu territorio francese fino al 1960, tra le proprietà immense dell’Ashram di Aurobindo, le french bakery e pizzarie italy food.. la cittadina è pulita e curata e devo dire che non mi dispiace questa parentesi di freschezza e tranquillità in stile europeo, un po’ di casa.
Pondicherry è popolata da numerosi europei in pensione e seguaci di Aurobindo e spesso le due cose coincidono..potete incontrarli facilmente alla bakery sul lungo canale tutte le mattine a discutere di cultura e politica davanti a bollenti cappuccini e croissant, commentando The Hindu o il Daily India.
Passo due giorni di puro respiro con la stupenda famiglia di Jaques che mi ospita in una casa piena di vita, tra risate di bambini e il canticchiare degli uccelli nel giardino sul retro. Nel Ganesh Garden infatti Jaques, francese in pensione ex dipendente di una catena di supermecati e poi gestore di una guest house a Nizza, trasferitosi qui ormai 5 anni fa, trova nel fresco rifugio verde tra pappagalli e Ganesh di pietra, l’ispirazione per i suoi dipinti.
A Pondicherry trovo anche il tempo per la inappagabile Aranciona consorte, dando una rinfrescata e una tirata alle ganasce posteriori e facendomi fare un vetro su misura per il faro basso che aveva perso il suo paralume. Qui incontro anche un altro Michele, anche lui francese, che mi porterà a visitare due incredibili orfanotrofi che supporta attraverso la sua ong Les enfants de rue de Pondycherry..ma di questo ne parlerò dettagliatamente in un altro post.
Faccio fatica a lasciare questo piccolo paradiso e i sorrisi della famiglia di Jaques.. ma proprio in questi giorni arriva la conferma del passaggio in Myanmar! A fine febbraio si passa la frontiera e devo riprendere la strada verso nord est!!

DA MILANO A SAIGON — LE INFO PRATICHE

Nov 17, 2017

INFO PAESI E DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER VOI E LA VOSTRA MOTO

CLICCA QUI ——><——-

PIC https://www.federicoguida.it/

[GRECIA] Qui si mangiano frizioni a colazione!

Ago 21, 2016

Il primo guasto meccanico.. qui si mangiano frizioni a colazione!

E’ passato qualche giorno e quel rumore mi ronza ancora nelle orecchie…

15 Agosto: siamo a Kavala (GR), città marina sulla nostra rotta tra Thessaloniki e Alexandropoli..è tardo pomeriggio, una giornata di viaggio stampata sulle natiche, voglia di una doccia dopo quattro giorni di astinenza da acqua dolce, e tirando a sorte con una moneta da due euro, ci prepariamo a dirigerci verso un campeggio a pochi chilometri. Colpo alla pedivella e via!… o quasi.. un rumore metallico arriva sinistro dal motore e la Aranciona si spegne, sembra definitivamente.

E’ ferragosto e anche qui è festa, quindi tutti i meccanici sono chiusi.. ci mettiamo a smanettare al porto sotto i gusci della star, sul lungo mare di passaggio sotto gli occhi dei passanti, sperando che qualche anima pia si fermi e ci dia una mano, per riparare la star e per trovare un posto dove dormire questa notte.

DSCN4800Dopo una ciurma di marinai egiziani non troppo disponibili, una famiglia di tedeschi che ci da con un contatto di un meccanico, conosciamo il “grande” Yanis, grande in tutti i sensi. Yanis ha un baretto proprio davanti alla nostra improvvisata officina ambulante. Il grande uomo accetta di tenerci i bagagli fino all’indomani mattina e mi porta col suo Varadero a vedere dove si trova il meccanico migliore di tutta Kavala. Si fa notte e il bar chiude, facciamo qualche passo per il centro storico nei dintorni del castello e infine decidiamo di passare la notte all’addiaccio sulle mura del porto.

16 agosto: Non si poteva immaginare di dormire così bene sulle mura di cemento a fianco ai frangiflutti, tanto che non puntiamo neanche la sveglia per l’appuntamento alle h.6 da Yanis, arrivando con due ore di ritardo.

Dopo una abbondante colazione al bar, con leccornie comprate apposta per noi, finalmente in officina a ricevere una diagnosi più sicura e veritiera delle nostre campate per aria del giorno prima.

A denti e chiappe strette il verdetto arriva..ed è un sospiro di sollievo!

Frizione spaccata..la terza in tre mesi! Probabilmente colpa di una guida troppo sportiva! Mi risuonano le raccomandazioni di Gino (meccanico della Scooteria)..“mi raccomando delicatezza, sopratutto con il cambio”

SPAK-FRIZ

È la diagnosi migliore che potessimo sperare, e anche quella più economica.. perchè non è necessario aprire il motore.

 

 

 

 

 

Il meccanicoSALDA-FROIZ  Vassili opta per saldare le parti spaccate della campana della frizione e mettere nuovi dischi, senza comprarne una nuova e dopo solo una mezz’ora mi mostra il lavoro magistrale di saldatura …ha bisogno di un ora di tempo per lavorarci ancora e mi fa capire gentilmente che non ci vuole tra i piedi, quindi mentre Andrea cerca un tabaccaio, esploro curioso il quartiere appena sopra il porto.

 

ciccia

Mi siedo per un caffè in un vecchio bar con un grande adesivo di un gallo sulla porta a vetri e mi perdo ad osservare giochi di carte e partite infuocate di backgammon, che alzano ancora di più il clima rovente, sullo sfondo la televisione trasmette le olimpiadi da Rio e proprio in quel momento il salto in alto viene bloccato per le piogge torrenziali.

 

 

 

gutemberg

Ritorno sulla strada sono assorbito da una vecchia stamperia a caratteri mobili, dove con orgoglio un gruppo di ottuagenari mi invita ad entrare per mostrarmi il funzionamento delle antiche macchine cecoslovacche e polacche. I simpatici vecchietti mi salutano con la frase che dal ’92 aspettavo di sentirmi dire in Grecia “ahhh Italiano! Italiano – Greco! una faccia – una razza!”

 

Torno in officina quando stanno già sistemando il cavalletto ancora claudicante dopo i nostri ultimi aggiustamenti.

FATHER-SONLa frizione è già montata e dopo i primi giri di prova il tutto sembra funzionare perfettamente come nuova. Arriva il momento, sempre teso, del pagamento dove con una premessa sui pezzi sostituiti e la  manodopera, chiaramente col figlio interprete in inglese, ci chiedono 80 euro, che sembra una cifra assolutamente adeguata sia per il tempo per la rapidità.

…Foto di rito e di nuovo verso est!

Durerà questa opera d’artigianato greco? Per ora mi ha portato fino ad Istanbul da dove scrivo.. ma la strada per il Vietnam è ancora lunga e le frizioni qui si mangiano a colazione!

Rispondi